Archivio dell'autore: Admin

Idee regalo originali e indimenticabili

I regali per essere originali devono essere curiosi e anche un po’ strani, magari “logati” e meglio ancora se griffati. Oggetti e gadget che rispecchiano tali caratteristiche e che renderanno la sorpresa diversa dal solito. Sostanzialmente, un oggetto regalato, per rientrare nella categoria delle idee regalo originali deve, innanzitutto, essere qualcosa alla quale la maggior parte della gente non pensa, ma allo stesso tempo, deve rispecchiare, in qualche misura, i gusti e le preferenze dei destinatari. Ma se i destinatari sono tanti e differenti la difficoltà aumenta.

Basta pensare ai clienti di una società, o ai suoi dipendenti. Oppure agli ospiti di hotel o ristoranti.

Ma perché regalare qualcosa? Le motivazioni sono varie e differenti: ringraziare, salutare, dare il benvenuto, fidelizzare, incuriosire o farci ricordare. La fondamentale forse è fare in modo che la nostra attività/prodotto/servizio non venga dimenticato e magari anche “pubblicizzato” attraverso il passaparola, questo avviene molto più facilmente se il cliente o l’spite ci è fedele. Ovvero, si fida di noi, del prodotto e dei nostri suggerimenti. Proprio per questo, il regalo, che sia di benvenuto, di saluto o un ricordo deve rispecchiare questi valori; attraverso delle azioni strategiche e promozionali l’azienda rende il proprio prodotto preferibile ad un altro, non solo per la sua qualità, ma anche grazie al rapporto di fiducia e comunicazione che si instaura fra l’azienda stessa e cliente.

Fidelizzare un cliente significa soddisfare appieno le sue necessità, coccolare l’ospite è un ottimo punto d’inizio per trovarne altri. E non solo per il passaparola positivo, ma soprattutto perché un cliente soddisfatto è un cliente che ritorna, è un fatturato stabile.

Non bisogna sottovalutare questa strategia, che seppur piccola potrebbe essere l’ago della bilancia. Scegliere un buon fornitore di prodotti per le aziende lo si fa sia per le cose fondamentali (di cibo per un ristorante, di attrezzature per un’attività artigianale, di prodotti per una beauty farm…) sia per un gadget che andremo ad omaggiare. Scegliere qualcuno che capisca le necessità anche per un gadget regalo è una scelta vincente. Potrebbe essere una semplice penna, se questo rispecchia il vostro servizio/prodotto. Ma ci sono cose anche molto più elaborate e “pensate”. Oggetti di tecnologia, o per la casa, buoni sconto per luoghi particolari, carte fedeltà, tessere raccogli-punti, viaggi, promozioni imperdibili, sconti esclusivi.

Ringraziare, salutare, dare il benvenuto ai propri clienti è un gesto fondamentale. E’ buona educazione, ma soprattutto dimostrazione che il cliente importante per noi. Ne sarà lusingato se decidiamo di ringraziarlo con un gesto concreto attraverso dei regali personalizzati, piccoli oggetti di uso comune arricchiti dal logo aziendale o da una frase ad effetto. L’importante è trovare una formula per farsi ricordate, per far in modo che quel singolo ospite o cliente ci pensi e ritorni.

Gadget aziendali: come pulire le spugne

Quando si attuano campagne mediante l’utilizzo di gadget promozionali, sempre allo scopo di fare pubblicità alla propria azienda e accontentare i clienti con simpatici omaggi, spesso si ricorre al fai da te o si sceglie di strafare. Questo sta a significare che, nel caso delle spugne regalate come gadget aziendali, sarà necessario effettuare un breve lavaggio e una breve pulizia prima di omaggiare i clienti con questi ultimi oggetti.

Dopo la consegna e la spedizione spesso può capitare che non siano perfettamente pulite: come si effettuano le pulizie? Come si pulisce approfonditamente una spugna? Che l’abbiamo ricevuta in omaggio da un’azienda o che siamo noi l’azienda intenzionata a darla in omaggio, ci sono due tipi di pulizia che si possono effettuare: quella approfondita e quella invece meno.

Esiste il metodo di pulizia classico: bisogna lasciare sotto l’acqua corrente del rubinetto la spugna, strizzarla e stringerla il più possibile, ed infine scegliere un luogo dove possa asciugarsi del tutto e non dove non ristagni l’acqua, in quanto l’umidità favorirebbe la formazione di batteri e perciò avremmo problemi in questo senso.

Se la pulizia che intendiamo mettere in pratica è quella approfondita, allora apriamo il rubinetto e mettiamo sotto la spugna. A questo punto lasciamo che non si asciughi neppure un po’, mettiamo una salvietta di carta nel microonde e sopra mettiamoci la spugna. Ricordiamoci che non è assolutamente possibile mettere in pratica tale rimedio se sono presenti parti in metallo all’interno della spugna, magari come decorazione per il logo della nostra azienda.

Questo tipo di pulizia secondo studi recenti abbatte completamente la presenza dei batteri. Lasciamo la spugna nel microonde per circa due minuti e tiriamola fuori quando il microonde suonerà, ma facciamo attenzione a non toccarla e a lasciarla raffreddare, perché se la strizzassimo potremmo farci davvero molto male alle mani, dato che, se il nostro microonde è correttamente funzionante, l’oggetto sarà incandescente.

Adeguatamente dotati di guanti (e di crema idratante in seguito, per evitare che le mani si rovinino), potremo mettere in pratica un metodo non accreditato quanto quello succitato ma comunque abbastanza utile ed apprezzato. Quello dell’immersione in un composto che generalmente è in particolar modo a base di candeggina: sotto l’acqua corrente, con il detersivo o la candeggina, e poi immergendo ripetutamente la spugna per una decina di minuti, quest’ultima dovrebbe depurarsi eliminando in parte i batteri.

Ma non dimentichiamo che, come detto, l’unico rimedio ad eliminare davvero il 99% dei batteri della spugna è quello del microonde.

Farsi conoscere grazie alle shopper personalizzate

Una delle regole fondamentali nel mondo del commercio è sicuramente quella di pubblicizzare e rendere visibile la propria azienda.

Negli ultimi anni si è visto che uno dei modi più efficaci per aumentare la propria visibilità nel commercio è proprio l’impiego delle shopper personalizzate, che altro non sono che le buste contenenti gli acquisti.

Sicuramente mettere in circolazione un certo numero di shopper personalizzate contenenti il nome o il logo della propria azienda aiuta i clienti interessati al prodotto che vendete a venire da voi piuttosto che da un altro venditore anonimo. Perchè?

Perchè anche trovare casualmente una shopper personalizzata in giro fa pensare che qualcuno abbia fatto acquisti da voi e quindi il nuovo cliente si sente, in un certo senso, anche più sicuro ad acquistare nel vostro negozio.

Comunque, anche nel momento in cui non darete voi personalmente la busta personalizzata, questa farà un giro immenso poichè solitamente le buste dei negozi vengono riutilizzate per far girare oggetti di casa in casa.

Anche a livello inconscio, avere una scritta davanti, porta il cliente a volerci andare e a preferirlo ad altre attività che magari vendono anche lo stesso prodotto. Possiamo dire che le shopper personalizzate sono sicuramente un investimento per il commerciante per quanto riguarda la propria immagine e la pubblicità del proprio negozio.

Sul web si trovano una vasta gamma di offerte per acquistare le buste personalizzate.

Si potrà scegliere il colore, meglio scegliere un colore che dà all’occhio, la misura, la forma e cosa scriverci su.

E’ sempre consigliato affiancare al nome dell’azienda la via in cui si trova o un recapito telefonico. Insomma, a creare una shopper personalizzata, si ha solo da guadagnare in termini di visibilità e se proprio volete strafare pensate all’idea di crearle come gadget da distribuire in occasione delle feste, di qualche fiera o di qualche convegno.

A cosa mirano le società quando organizzano gli eventi aziendali?

Sono tante le aziende che scelgono dicembre come mese ideale per eventi aziendali: ecco i motivi della scelta e perché questo è il periodo migliore.

Capacità di creare gruppo e spirito di collaborazione

Dicembre è da sempre il mese più atteso da gran parte delle persone per via dell’arrivo del Natale. Si tratta di una festa che fa nascere emozioni positive che permettono così di rendere meglio anche sul lavoro. E proprio questa è la spiegazione del motivo per cui molte aziende optano per dicembre come mese per eventi di vario tipo.
D’altronde proprio in questa fase dell’anno si va maggiormente incontro ad uno spirito di condivisione e soprattutto di collaborazione tra colleghi. Vengono messe da parte eventuali discussioni o situazioni precedenti e ci si ripromette di iniziare al meglio il nuovo anno. Si capisce perciò che un evento aziendale a Roma di questo tipo nel mese di dicembre può anche segnare un vero e proprio solco rispetto al passato. Creare gruppo grazie ad una cena aziendale o un meeting di dicembre è il modo giusto per farlo.

Cosa non può mancare ad una location per eventi aziendali

Indubbiamente bisogna considerare che una location per eventi aziendali deve avere delle caratteristiche molto importanti. Innanzitutto è bene scegliere strutture che siano capienti e che possano accogliere tutti gli invitati: mai fare brutte figure optando per ambienti troppo stretti o che possano risultare poco comodi. Inoltre è bene ricordare che una location per un evento aziendale deve essere su misura in base a quello che si vuole organizzare.
Motivo per cui, ad esempio, chi opta per una cena farebbe bene a scegliere strutture con catering o con servizi di ristorazione di primo livello. Così come ci sono anche strutture adatte per un semplice aperitivo oppure per una degustazione: il tutto considerando che si tratta di una serie di caratteristiche fondamentali per un evento aziendale di primo livello.
A Roma le strutture non mancano di certo e si può avere un’ampia scelta per quanto concerne gli eventi aziendali da organizzare durante il mese di dicembre.
Muoversi per tempo è sempre consigliabile per evitare brutte sorprese.